sabato 1 ottobre 2022

Work in progress



Sarò breve. Mi sono messa a lavorare su uno schema di Fairy Wool in The Wood, ma non voglio annunciarne il titolo.  Era troppo presto per me per iniziare uno dei due schemi di presepi che mi hanno regalato. 
Sto decisamente ancora in alto mare, come si vede chiaramente, ho poco tempo e chissà quando riuscirò a finirlo.

Circa una settimana fa, forse qualcosa di più, non ricordo il giorno esatto, sono andata a vedere "Abilmente", una fiera di materiale per le arti manuali di filo, di bigiotteria, di carta ecc.... 
Sono rimasta un pò delusa perchè sul ricamo c'era poco e niente, mentre c'era tantissimo per cucire, per la maglia a ferri e soprattutto per la bigiotteria, oltre a varie cianfrusaglie natalizie con il kit per assemblarle. Mi aspettavo stoffe da ricamo, Aida speciali, fili di varie marche, forbicine.... ho visto solo un pannello con i fili DMC, che costavano molto meno di quello che li pago alla merceria: € 1,20 contro € 1,80 che costano a me. Purtroppo non avevo una lista di numeri dei fili necessari per i miei lavori. 
Comunque non me ne sono tornata a casa senza niente: ho comprato il timbro visibile nella foto qui sotto, utile per fare una stampa sui biscottini di natale fatti a mano con la frolla di cui mi hanno dato la ricetta, poi ho preso delle  roselline, che possono essere applicate sui ricamini primaverili e infine un bellissimo nastro di pizzo, anche se non so ancora esattamente cosa farci. Mi sono sempre detta che dovrei fare un orlo ai miei rucami, ma non so cucire. Magari trovo un tutorial per applicarci questo pizzo. 
Intanto, Benvenuto Ottobre! 💛




Le previsioni del tempo annunciano che la prossima settimana saremo di nuovo in preda ad un anticiclone caldo, ovvera quella che qui si chiama "Ottobrata Romana". 
Ciò non toglie che io ho riacceso il forno, ma solo la mattina, per i cornetti di Mr. Scrooge, e per tornare a sentire l'odore dei dolcini che cuociono in forno. 
Non so quest'anno quanto lo potremo usare. Durante il mese di Settembre a me è arrivata una bolletta della corrente assurda, nonostante abbia consumato meno dell'anno scorso, poichè ho cercato di usare meno l'aria condizionata, e difatti ho sofferto moltissimo l'estate appena trascorsa dato che io sono metereopatica. Me lo disse un angiologo molti anni fa, e faccio parte di coloro che patiscono il caldo invece che il freddo. Anche quando ero piccola e non avevamo le estati roventi di ora le soffrivo molto. Il freddo invece mi da fastidio nei limiti in cui lo soffre chiunque, anche un pò di meno. 
Essendo metereopatica il caldo mi sviluppa varie problematiche fisiche: a me colpisce lo stomaco e, ogni anno, anche qualcosa di nuovo. Sono passata dalle infiammazioni alle articolazioni fino a problemi oculari. Ma sorvoliamo su questa mia particolarità. Il problema è quello di cui parlano da mesi tutte le TV ma per ora nessuno ha fatto molto data la bolletta che mi è arrivata. Stendiamo un velo pietoso sui prezzi al supermercato, e faccio un esempio: ieri 7 zucchine le ho pagate più di sei euro. 
Non ci vuole quindi la palla di vetro per prevedere un autunno difficile e un inverno piuttosto duro. 
Probabilmente anche i regalini di Natale saranno più modesti del solito, che già non erano nulla di superlativo, ma non importa: il Natale è sempre bello e magico di per sè anche se dovessimo regalarci solo i cioccolatini e le arance come mi diceva mia madre nei racconti della sua infanzia in una famiglia di contadini. 
Comunque per ora cerco di godermi l'autunno, e incrocio le dita per i giorni che verranno. 


Foto di un sentiero nel bosco a fine Ottobre del 2018

mercoledì 28 settembre 2022

Ciao mare!



In un giorno di sole e di vento dopo l'equinozio di autunno siamo andati al mare, per salutare la fine dell'estate. 
Era spettacolare, gonfio, il rumore delle alte onde (la foto non rende giustizia) era assordante, il cielo era pieno di microgoccioline spruzzate dal mare e l'onda che toccava la riva si allungava per metri e metri. 
Non ho resistito. Ho dovuto metterci i piedi dentro anche se ero tutta vestita.
Mi sono tolta le scarpe, ho arrotolato i pantaloni, e mi sono goduta quell'energia incredibile che mi lambiva i piedi e le caviglie. 
Per quest'anno, ciao mare!