domenica 30 giugno 2024

Francobollo di Giugno

Da schema "June" di Waxing Moon Design


Anche il terzo schema relativo ad "April, May, June," di Waxing Moon Design è fatto. 
Come gli altri due, ho eseguito anche  questo su tela Aida di lino 80 (20ct) colore naturale - raw, fili DMC e aghino 28.
Ricamare mi è servito per non pensare. 

Dopo gli eventi del mese scorso ho avuto bisogno di un pochino di tempo per fare pace con quel senso di stordimento, di voglia di silenzio, e di smarrimento doloroso di fondo che di quando in quando grattava come le unghie di un gatto alla porta quando vuole entrare in casa, accompagnato da un senso di solitudine che peró era come un suono che rimbomba sordo e che mi destabilizzava. Ora va un pò meglio. La vita ci chiama ad essere presenti e andare avanti. Abbiamo detto spesso quanto le attività creative aiutino ad attraversare momenti difficili, ma soprattutto la vicinanza di mio marito e le incombenze quotidiane con le relative responsabilità mi hanno impedito il costante rimuginamento.  Quando si perde per la prima volta un genitore, come successe alla morte di mamma, alla quale ero particolarmente legata, si affronta un dolore sconosciuto con il quale ho dovuto fare i conti per anni. Questo però crea una sorta di “vaccino” che ci permette di affrontare con più consapevolezza la perdita del secondo genitore, e ad entrare a patti con quel rumore sordo di fondo che richiede tempo per dissolversi e lasciare spazio a quel pizzico di malinconia che accompagna i bei ricordi che invece fa bene tenere sempre vivi nel cuore. Mi sto imponendo di non fare come quando morì mamma, quando chiusi e buttai il blog e mi isolai da tutto, poiché non c’era cosa che non mi sembrasse vana e inutile, soprattutto le parole. Non insisto oltre, poiché questo è un blog di cose allegre, colorate, di luoghi illuminati. E a proposito di cose belle, ora passo a vedere quante cose nuove avete fatto nel frattempo (un grazie speciale a Susanna). 

In questo ricamo c’era un filino troppo punto scritto per i miei gusti, sia per i semini delle fragoline che per la scia delle apine, ma devo ammettere che quelle linee curve tratteggiate rendono proprio l’idea del loro svolazzare di fiore in fiore e, secondo me, del loro ronzio.  

É uno schema ispirato alla dolcezza dell’inizio estate e del solstizio, rappresentata dall’alacre lavoro delle api nel produrre il miele (di cui sono golosa come un’orsa) e dai primi deliziosi frutti estivi, anche se più che le fragole avrei messo le ciliegie. Quest’anno ne ho trovate di buonissime tra quelle marcate “Vignola”. Peccato che ormai stanno per finire, ne ho fatto scorpacciate. Ciliegie e albicocche sono i miei frutti preferiti oltre alle melucce settembrine. Il miele invece lo metto sullo yogurt, sul pane integrale con la ricotta (strepitoso), sui biscottini e a volte ne mangio qualche punta di cucchiaino così, senza niente. 

Giugno é stato un mese piacevolmente fresco ad eccezione di quattro giorni terribili dopo metà mese, con una densa cappa di sabbia in cielo e temperature africane. Ora il caldo sembra essere tornato. Anche al mare non si sta molto bene quando le temperature sono molto alte perché c’è tantissima umidità. Per fortuna non ci sono troppe velature sabbiose, a parte ieri (giornata orribile). Spero, come ogni anno, di riveder le lucciole. Niente vacanze sono in programma per ora, non sono in vena e, dati gli eventi dei reciproci genitori, con mio marito abbiamo ritenuto di non prenotare niente, ma faremo certamente tante gite tra ventilati prati di alta montagna e ombrosi freschi boschi in quota, oltre alle solite visite al litorale. Da quando mio suocero non può occuparsi della sua casupola al mare, dobbiamo farlo noi e quindi ogni tanto dobbiamo andarci per forza a pulire e a tagliare il prato, dopodiché ci buttiamo un paio d’ore in spiaggia e poi torniamo a casa. Adoro il mare e la luce che brilla, ma io e il sole estivo abbiamo qualche problema di comprensione reciproca, non ci sopportiamo gran che. 

12 commenti:

  1. Cara Rossella, la mancanza di un genitore è uno di quegli eventi che non si supera mai del tutto. Quando è mancata mia madre , ero stordita, piangevo spesso. Quando è mancato mio padre ero preparata, aveva 95 anni e un sacco di problemi ma è stato un dolore comunque.Ora vado tutti i giorni al cimitero a salutarli, è l' unica consolazione che mi resta.
    Poi si deve andare avanti comunque, anche per loro, che ci hanno indicato la via da seguire. Ma non passa mai del tutto il dispiacere, rimane una sorta di dolce malinconia che ci accompagna. Il francobollo del mese di giugno è molto, molto carino ! Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mirtillo, e hai proprio ragione:il loro ricordo lascia un fondo di malinconia che per forza di cose non puó estinguersi, poiché non possiamo e non vogliamo dimenticarci di loro.

      Elimina
  2. Cara Rossella, ci siamo già dette quanto sia doloroso perdere anche l'ultimo genitore e vivere nel torpore lo status di orfano, seppure abbiamo età matura. Ma... dici benissimo che bisogna andare avanti e portare, nel nostro cuore sofferente, la loro presenza costante, l'amore che ci hanno dato e che abbiamo ricambiato.
    E distrarsi con il ricamo può servire ad alleviare la pena. Il tuo francobollo di giugno è davvero delizioso.
    Coraggio amica cara, stringiamoci con affetto.
    Un abbraccio Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per tutta la vicinanza cara Susanna. E si va avanti. Un abbraccione

      Elimina
  3. Mi ritrovo tantissimo nelle tue parole, io ho perso il papà molto presto, ci sono voluti due anni di depressione per tornare un po' nel mondo. Quando ho perso la mamma mi sembrava di essere un pochino più preparata, mi aveva preparata lei perchè aveva visto come ero stata in passato, tuttavia proprio in questo periodo sento tantissimo la sua mancanza, la penso sempre. Credo che il miglior modo per ricordarli sia percorrere la nostra vita nel modo in cui loro potrebbero essere davvero orgogliosi di come ci hanno cresciuto. Non abbandonare mai il ricamo, il cucito, la maglia, sono davvero terapeutici! Un abbraccione! Vedrai che sarà un'estate un po' nostalgica ma bellissima e scoprirai tante cose belle intorno e vicino a te, meglio delle Seychelles!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensiero giustissimo cara Irene. Dobbiamo renderli orgogliosi di noi. Grazie

      Elimina
  4. Un caro saluto e buon mese di luglio. Qui fa già troppo caldo per i miei gusti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non me ne parlare! Qui è la sauna. Buon Luglio e buone gite ;)

      Elimina
  5. Complimenti per il francobollo. Ti abbraccio affettuosamente e ti sono vicina in questo momento delicato. A presto.

    RispondiElimina
  6. Grazie di essere passata. Sono scappata in montagna. Saluti

    RispondiElimina
  7. Rossella ho condiviso spesso momenti di incertezza e di chiusura totale alla bellezza. Poi ho pensato che abbiamo delle risorse immense nel nostro cuore cercarle individuarle e farle crescere e non è semplice ma provarci merita. Vogliono essere amati e curati questi beni non visibili, ma ci danno serenità e dolcezza:
    Coltiviamo la condivisione, l'amore, la passione, il perdono l'instancabilità del fare. Aggiungi... aggiungi... e il tuo cuore si riempirà di dolcezza e serenità.

    RispondiElimina